Agevolazioni alle imprese per investimenti

BENI STRUMENTALI: NUOVA SABATINI TER

tabella riassuntiva agevolazioni aziende

 

Minori tempi di concessione per il contributo in conto interessi del 2,75% calcolato convenzionalmente su di un finanziamento o leasing della durata di 5 anni.

BENEFICIARI:

Possono accedere al contributo:

  • Pmi aventi una sede operativa in Italia, regolarmente iscritte al Registro delle imprese e con sede operativa sul territorio nazionale, operanti in tutti i settori (incluse le aziende agricole e della pesca) che non siano in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali;
  • le imprese estere, che abbiano sede in uno Stato membro e che alla data di presentazione della domanda non abbiano una sede operativa in Italia; tali imprese sono tenute ad aprire una sede operativa nel territorio italiano entro e non oltre il termine massimo consentito per l’ultimazione dell’investimento ed attestarne l’avvenuta apertura.
  • sono escluse le imprese che operano nei settori delle attività finanziarie e assicurative, l’industria carboniera e della fabbricazione di prodotti lattiero-caseari.

 

INVESTIMENTI AMMISSIBILI:

1. con riferimento alle imprese operanti nei settori agricolo, forestale e zone rurali, gli investimenti devono perseguire tali obiettivi:

  • aiuti agli investimenti materiali o immateriali nelle aziende;
  • aiuti agli investimenti nel settore della trasformazione di prodotti agricoli e della commercializzazione di prodotti agricoli.

2. con riferimento alle imprese che operano nel settore di prodotti per la pesca e dell’acquacoltura (produzione, trasformazione, commercializzazione) i cui investimenti devono perseguire tali obiettivi:

  • mirati al miglioramento dell’efficienza energetica e a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici;
  • volti a realizzare dei porti di pesca, luoghi di sbarco, sale per la vendita all’asta e ripari di pesca;
  • produttivi nel settore dell’acquacoltura;
  • volti alla commercializzazione;
  • volti alla trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura.

3. per il settore della produzione primaria di prodotti agricoli o ittici l’aiuto è subordinato al rispetto di eventuali restrizioni alle produzioni o limitazioni del sostegno comunitario previste nell’ambito delle specifiche organizzazioni comuni di mercato.

4. con riferimento alle imprese operanti in settori non ricompresi tra quelli di cui ai precedenti punti 1 e 2 gli investimenti devono essere riconducibili:

  • alla creazione di un nuovo stabilimento;
  • all’ampliamento di uno stabilimento esistente;
  • alla diversificazione della produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi;
  • trasformazione radicale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente;
  • acquisizione di attivi di uno stabilimento, se sono soddisfatte le seguenti condizioni: a) lo stabilimento è stato chiuso o sarebbe stato chiuso se non fosse stato acquistato; b)gli attivi vengono acquistati da terzi che non hanno relazioni con l’acquirente; c) l’operazione avviene a condizioni di mercato.

5. i relativi beni oggetto di agevolazione devono far riferimento ad un’unica unità produttiva.

SPESE AGEVOLABILI: 

> Sono accettabili investimenti ad uso produttivo, di nuova fabbricazione – anche tramite leasing finanziario – che si avviino successivamente alla richiesta di finanziamento e relativi a:

  • macchinari
  • impianti
  • beni strumentali
  • attrezzature
  • hardware, software e tecnologie digitali (ICIT)

 

> Non sono ammissibili ad agevolazioni le spese: 

  • relative ad un bene singolo di costo unitario inferiore a 516.46 euro al netto dell’iva;
  • relative a “terreni e fabbricati”, incluse le opere murarie, e immobilizzazioni in corso e acconti;
  • acquisto di beni che costituiscono mera sostituzione di beni esistenti;
  • relativa a commesse interne;
  • relative a macchinari, impianti, e attrezzature usati o rigenerati;
  •  di funzionamento;
  • relative a imposte, tasse e scorte;
  • relative al contratto di finanziamento.

La concessione del finanziamento può essere assistita dalla garanzia del Fondo di Garanzia, nella misura massima dell’80% dell’ammontare del finanziamento stesso (lo stato garantisce per l’impresa).

Gli investimenti devono essere conclusi entro 12 mesi dalla data di stipula del finanziamento. L’impresa beneficiaria è tenuta a presentare apposita dichiarazione di avvenuta ultimazione dell’investimento entro 60 giorni dalla data di conclusione del progetto.

AGEVOLAZIONI:

A fronte della concessione di finanziamenti o leasing da parte di banche o società di leasing a copertura del 100% del programma d’investimenti, aventi le seguenti caratteristiche:

  • importo non inferiore a 20.000 € e non superiore; anche se frazionato in più iniziative di acquisto, a 2 milioni di euro per ciascuna impresa;
  • durata non superiore a 5 anni dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

È erogato un contributo in conto di interessi del 2,75% calcolato convenzionalmente su di un finanziamento della durata di 5 anni ed erogato in quote annuali costanti, con una durata massima del preammortamento di 12 mesi.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA:

Le imprese possono presentare la domanda di agevolazione, fino ad esaurimento fondi.

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Richiedi informazioni o prenota un appuntamento

Scrivici, il nostro team ti risponderà nel più breve tempo possibile.