Contratto a termine. La CGIL presenta ricorso alla Commissione Europea

La CGIL Nazionale comunica di aver presentato ricorso alla Commissione Europea contro la nuova regolamentazione del contratto a termine approvata dal Governo, perché in contrasto con la prevalente disciplina europea sul lavoro.

Per il sindacato della Camusso, il D.L. n. 34/2014, convertito dalla Legge n. 78/2014, eliminando l’obbligo di indicare unacausale nei contratti a termine, ha spostato la prevalenza della forma di lavoro dal contratto a tempo indeterminato al contratto a tempo determinato.

Come chiarito dalla stessa CGIL, sono quattro i punti principali su cui si basa il ricorso:

– l’acausalità lascia spazio ad utilizzi impropri e penalizza i lavoratori;

– l’utilizzo di acausalità, rinnovi e proroghe espone il lavoratore al rischio di non riuscire a firmare mai un contratto “stabile”, indicato come “contratto comune” proprio dalla normative Ue, con forti penalizzazioni soprattutto per i gli over 50 e le donne;

– si introduce un’assoluta discrezionalità rispetto ai licenziamenti;

– non c’è alcuna prova statistica che all’aumento della precarietà corrisponda un aumento dell’occupazione.

Tratto da:

www.edotto.com: http://www.edotto.com/edl/standardRss

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Richiedi informazioni o prenota un appuntamento

Scrivici, il nostro team ti risponderà nel più breve tempo possibile.