La Cassazione, sezione lavoro, con la sentenza n. 18675 del 4 settembre 2014, stabilisce che si tratta di “fittizia ristrutturazione aziendale”, finalizzata al licenziamento dei dipendenti ritenuti in eccesso di una società per azioni, il trasferimento di un ramo di un’azienda non preesistentema creata ai fini del trasferimento.

Spiega la Corte, che è ritenuta aziendaogni entità economica organizzata in maniera stabile la quale, in occasione del suo trasferimento conservi la sua identità”.

La definizione presuppone una preesistente realtà produttiva autonoma e funzionalmente esistente, non potendo essere considerata azienda una struttura produttiva creata ad hoc in occasione del trasferimento.

Tratto da:

www.edotto.com: http://www.edotto.com/edl/standardRss