Garanzia Giovani è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. Con questo obiettivo sono stati previsti dei finanziamenti che saranno investiti in politiche attive di orientamento, istruzione e formazione e inserimento al lavoro, a sostegno dei giovani che non sono impegnati in un’attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo.

Per promuovere l’inserimento occupazionale dei giovani, la Garanzia Giovani prevede delle agevolazioni per le imprese che assumono. Nello specifico sono previsti dei bonus erogati dall’INPS, che variano da un minimo di 1.500 euro per il contratto inferiore a 12 mesi ad un massimo di 6.000 euro per l’attivazione di un contratto a tempo indeterminato. Tali importi possono aumentare anche di alcune migliaia di euro a seconda della Regione.

Per i giovani tra i 15 e i 29 anni, non impegnati in un’attività lavorativa né inseriti in un corso scolastico o formativo, è previsto un percorso di tirocinio di inserimento/reinserimento lavorativo in azienda finanziato dall’INPS. La regione Veneto ha previsto che i tirocini possono avere una durata massima di 6 mesi ciascuno, con una borsa lavoro complessiva di euro 2400 euro (400 euro per mese). Qualora prima della fine del percorso di tirocinio si verifichi l’assunzione, le risorse residue della borsa lavoro non riconosciute al destinatario sono attribuite all’impresa a titolo di incentivo.

Per i giovani fino a 29 anni, sono previsti degli incentivi per la creazione di impresa, con facilitazioni nell’accesso al credito attraverso un Fondo di Garanzia, anche se non si dispone delle garanzie necessarie per ottenere un prestito bancario.

Lo Studio Polato è a disposizione per ulteriori ed eventuali chiarimenti.
Tratto da:
www.edotto.com: http://www.edotto.com/edl/standardRss