Legittimo il licenziamento del dipendente che non comunica all’azienda di essere assente dal lavoro perché arrestato

L’assenza dal lavoro per un periodo prolungato di tempo e senza fornire esatte o valide motivazioni fanno sussistere l’idoneità per configurare la giusta causa di licenziamento, in quanto fanno venir meno il rapporto fiduciario tra datore di lavoro e lavoratore.
La Corte di Cassazione, con sentenza n. 25380 dell’1 dicembre 2014, ha pertanto dichiarato legittimo un licenziamento per giusta causa intimato ad un lavoratore che non aveva comunicato l’impossibilità a riprendere l’attività lavorativa trovandosi in carcere perché sottoposto a misura cautelare.

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Richiedi informazioni o prenota un appuntamento

Scrivici, il nostro team ti risponderà nel più breve tempo possibile.