La Corte di Cassazione, con sentenza n. 20357 del 26 settembre 2014, ha sostenuto che la maxisanzione per il lavoro nero, contestata dall’Agenzia delle Entrate fino al 2006, è:
– una sanzione amministrativa direttamente collegata all’intento di contrastare il lavoro nero;
– non è determinata in relazione al contributo versato;
– non può essere considerata come una sanzione tributaria o previdenziale.
L’art. 8 della Legge n. 289/2002 prevede che con il perfezionamento delcondono si ha l’estinzione delle sanzioni amministrative tributarie e previdenziali, ivi comprese quelle accessorie ma, chiarisce la Suprema Corte, non è possibile estendere l’adesione al condono anche ad una sanzione amministrativa – come la c.d. maxisanzione per il lavoro nero – in sé e per sé considerata, che è estranea all’ambito di applicazione del condono stesso.

Tratto da:

www.edotto.com: http://www.edotto.com/edl/standardRss